-via bolzano 3
tel. 0422410590 - treviso@arci.it
9-12.30 e 15-19.30, sab 10-12.30
seguici su facebook
ARCI Treviso
L'ARCI trevigiana conta vari circoli, presenti in tutta la Provincia. Tra le attività culturali svolte, la Musica dal vivo, i Cineforum, il Cinema estivo, i Corsi e le attività culturali organizzate dai circoli di Educazione Permanente (corsi di lingue straniere e corsi brevi di cultura generale) e ArciWord (corsi di informatica ed Internet), Arcimboldo (incontri pubblici di cultura), le visite guidate a Mostre d'Arte e Musei, la mostra annuale "Passaggi fotografici, l'informazione sul Servizio Civile la collaborazione con l'Anpi e Libera di Treviso.
 
Come si aderisce all'ARCI: la Tessera
Si aderisce all'Associazione ARCI con la richiesta della tessera e il relativo versamento della quota associativa presso la sede del Comitato Provinciale di Treviso, in via Bolzano 3 (tel. 0422410590, fax 0422411162), oppure presso i circoli affiliati in provincia.
La tessera è il documento che qualifica il suo possessore come Socio a pieno titolo dell'Associazione; vale a partire da quando viene acquistata e scade il 31 dicembre.
Il Socio può accedere agli spazi, usufruire dei servizi e partecipare alle attività promosse, oltreché dal proprio Circolo, da tutti i Circoli aderenti all'ARCI, secondo le modalità previste nello satuto e nelle deliberazioni di ogni singolo Circolo.
 
L’Associazione ARCI Nazionale
L’Associazione ARCI, Associazione Ricreativa Culturale Italiana, è un'associazione culturale e ricreativa nazionale, non ha fine di lucro, è autonoma e pluralista e aderisce alla confederazione ARCI. L’associazione svolge le sue attività nell’ambito culturale e ricreativo, della solidarietà e dei diritti dei cittadini.
Ne fanno parte cittadini che danno vita a circoli culturali e ricreativi. I circoli locali organizzano rassegne di cinema, mostre di fotografia, spettacoli teatrali, concerti; promuovono corsi di cultura e di lingue, si occupano di informatica, si interessano di beni culturali, arti visive, turismo, scambi internazionali, immigrazione, servizio civile, solidarietà.
L’ARCI è la più grande associazione italiana, un’unione di idee, progetti ed esperienze, un luogo di formazione nell’ambito della solidarietà e dei diritti, dove vengono promosse iniziative contro il razzismo, sull’immigrazione, contro ogni forma di ignoranza, di intolleranza, di ingiustizia, di discriminazione e di emarginazione.
Per maggiori informazioni visita le pagine dell'ARCI Nazionale o consulta l'elenco dei Comitati Provinciali in Italia.
 
Un po’ di storia
L’ARCI nasce nel 1957, come coordinamento di associazioni ricreative locali, che, rinate nel dopoguerra, promuovono una associazione comune di rappresentanza, di servizio, di reciproco scambio di aiuti ed esperienze. Negli anni è diventata una grande associazione nazionale, fondata sui valori della convivenza civile, della libertà e della democrazia.
Negli anni Sessanta l'unificazione tra ARCI, associazione ricreativa, e UISP, associazione sportiva, dà vita a un’organizzazione del tempo libero dei cittadini. La nuova associazione individua come fini istituzionali la cultura, lo sport e la ricreazione.
Negli anni Ottanta diventa più chiara un'impostazione che differenzia le varie realtà, i bisogni, le domande, le culture. L'attenzione ai nuovi soggetti sociali e culturali, come le donne, i giovani, i ragazzi, i gay e alle nuove tematiche come la difesa ambientale, il piacere e la difesa del cibo genuino. porta alla costituzione di altre articolazioni dell'associazione, come Arci Ragazzi, Arci Gola-Slow Food, Lega Ambiente e ArciGay. Negli stessi anni, l'ARCI afferma una propria identità plurietnica ed europea. Sul riconoscimento del valore della solidarietà e della responsabilità comune, nasce a luglio del 1992 Arci Solidarietà, coordinamento di associazioni di volontariato.